Home » Cultura e tradizioni

Antichi valori e feste in terra di Gallura

San Teodoro è un centro della Gallura e con questa condivide con orgoglio l’identità, la lingua, i costumi, le tradizioni e la cultura. Questi tratti si possono sintetizzare in uno stile di vita legato ai valori ed ai simbolismi della vita contadina d’altri tempi:la spiccata propensione all’ospitalità, la dignità, l’onore, l’amore per la casa, la solidarietà, il lavoro. La vita presso le marine ha, nel tempo, condizionato il sentire comune delle popolazioni a diretto contatto con lo “straniero proveniente dal mare”… tralasciando il lacerante impatto sulle coste dei popoli conquistatori durante la storia, oggi si può dire che a differenza dei modelli sociali tipici della Sardegna dell’entroterra, il tratto comune che caratterizza le popolazioni della Gallura costiera è sicuramente l’apertura e l’esigenza di interscambio, pur nell’atavico ossequio per le proprie tradizioni.

Leggi di più

Il gallurese è il dialetto che vi si parla, così dolce e musicale, radicalmente differente dagli altri dialetti della Sardegna dalle sonorità più gutturali; d’altra parte la Gallura conserva la propria tipicità culturale soprattutto attraverso la ricchezza dei propri costumi, l’uso della parola nelle sue espressioni più nobili: la poesia e il canto, ispirati dalla vita semplice delle campagne, dalla sua luce e dalla forza della sua ineguagliabile natura.

La comunità gallurese ancora oggi, seppur strizzando l’occhio al progresso, celebra attraverso le feste campestri e le feste religiose quei riti arcaici legati al rapporto dell’uomo con la natura e i suoi cicli, facendone comunque un’occasione di rinnovo dei vincoli comunitari con immutato spirito di aggregazione. I visitatori condividono tali eventi con viva partecipazione ed entusiasmo, sapendo di condividere in questo modo lo spirito autentico di San Teodoro, la sua storia.

La festa più attesa dai teodorini è certamente quella del santo patrono San Teodoro, tuttavia altre due feste patronali si svolgono in altrettante frazioni del paese: la festa di Sant’Andrea nella frazione di Montipitrosu (a nord del paese), festeggiato nella prima settimana di giugno, e la festa di Sant’Antonio di Padova presso la frazione di Straula (a sud del paese) durante la seconda settimana di giugno.

Altra ricorrenza molto sentita è quella del 16 e 17 gennaio dedicata a Sant’Antonio Abate l’anacoreta, conosciuto anche come Sant’Antonio del Fuoco o del Deserto. La leggenda narra la storia del santo che, con un espediente, riesce a sottrarre dall’inferno un po’ di fuoco da regalare agli uomini, che ancora non lo possiedono. In Gallura la festa di Sant’Antonio Abate è detta Lu Fuculoni, ovvero il grande fuoco. L’usanza vuole che durante la settimana che precede l’evento la gente provveda alla raccolta di frasche e arbusti di burédda (elicriso) e mucchju (cisto) tanto da formare un grosso cumulo che sarà poi bruciato in piazza, a scacciare i guai e i malanni, in un rito apotropaico continuamente rinnovato.

Il 16 gennaio Lu Fuculoni è festeggiato nella frazione di Straula e il 17 gennaio nella frazione di La Suaredda, accompagnato da dolci tipici e bibite.
Come non ricordare il carnevale (lu carrasciàli) festeggiato nella piazza del paese con un ricco pranzo a base di fai e laldu (fave e lardo), vino e dolci tipici del periodo prepasquale.

L’identità e le tradizioni galluresi di San Teodoro vivono e si rinnovano incessantemente grazie al prodigo interessamento dei singoli cittadini teodorini e delle diverse associazioni locali.

Leggi di meno

Museo del Mare

San Teodoro vanta la presenza di un piccolo ma importante museo archeologico in località Niuloni, che raccoglie le testimonianze concrete del nostro passato. I reperti provengono quasi interamente dai fondali marini delle coste di San Teodoro, talvolta anche a pochissimi metri di profondità e da donazioni dei cittadini.

Scopri di più

Istituto delle Civiltà del Mare (I.Ci.Mar.)

L’Istituto delle Civiltà del Mare di San Teodoro o abbreviato ICIMAR, anche sede del Museo del Mare, è un istituto di ricerca riconosciuto di personalità giuridica che ha per oggetto lo studio e l’approfondimento delle tematiche legate agli ambienti marini e l’interazione di questi con le popolazioni costiere.

Scopri di più

I cori polifonici

Il sacro fuoco dell’identità culturale anima anche i componenti dei cori polifonici di San Teodoro, specializzati in canti tradizionali in dialetto sardo e gallurese a cappella o con accompagnamento di chitarra o organetto.

Scopri di più

Gruppo Folk

Il gruppo minifolk di San Teodoro nasce alcuni anni fa grazie all’ammirabile interessamento di un gruppo di cittadini sensibili alla valorizzazione della cultura locale.

Scopri di più

Teatro

Inaugurato nel dicembre del 2005 grazie all’Amministrazione Comunale che ha destinato risorse per il nuovo allestimento, il Teatro Civico può accogliere fino a 200 posti a sedere ed ospita ininterrottamente rassegne teatrali, attività culturali, proiezioni di pellicole (film a tema, documentari ed altro), spettacoli musicali; è sede anche di associazioni culturali.

Scopri di più