Home » I Borghi

La tranquillità dei piccoli borghi

Il comune di San Teodoro è articolato in circa 20 fra cosiddette “case sparse” e frazioni vere e proprie, fra le quali dal punto di vista dell’impatto turistico segnaliamo Punta di l’Aldia (punta della guardia, conosciuta come Puntaldìa) e Coda Cavallo, quest’ultima citata dal celeberrimo esploratore piemontese Alberto Ferrero Della Marmora nel suo “Itinerario dell’isola di Sardegna” dei primi decenni dell’800.

Le altre frazioni più popolose, a sud Straula (dal latino extra ulas) presso la cui chiesa si festeggia Sant’Antonio di Padova ogni prima settimana di giugno; Buddittogliu, luogo dove forse in passato avveniva la bollitura oppure l’orditura della lana; Terrapadedda (ovvero l’argilla) presso le colline sovrastanti il centro demico principale di San Teodoro; La Patimedda, indicante un luogo pianeggiante ricoperto da macchie di verde; a nord la Suaredda, fitotoponimo che significa la piccola sughera; Lu Fraili che ricorda come in tempi passati quello era il luogo dove operava il fabbro ferraio; Lu Stazzu di Mezu, lo stazzo di mezzo; Montipitrosu, località all’estremo nord del comune dominato dalle rocce granitiche; L’Alzoni da alzu, ossia l’albero di ontano, per citarne solo alcune.

Numerose le strutture ricettive presenti nelle località dell’entroterra, soprattutto B&B case e appartamenti vacanze ma anche agriturismi, che accolgono i visitatori alla ricerca di una vacanza all’insegna della tranquillità tra il verde della campagna e il blu del mare.

Contatti

Ufficio Turistico del Comune di San Teodoro

P.zza Mediterraneo, 1 – 07052 San Teodoro (SS)

Telefono: +39 0784 865767

Telefono: +39 0784 851128

Email: info@santeodoroturismo.it

Mappa

Come arrivare

Durante il periodo estivo alcune delle diverse frazioni sono servite dal Beach Bus (nel 2021 è stato attivato un servizio dedicato ai borghi, denominato Beach bus Borgate).

Le località e frazioni che si trovano lungo la SS 125 (come Montipitrosu, Lutturai, Lu Fraili, Nuragheddu, La Suaredda, La Traversa, Badualga, Budditogliu, Straula, fino all’imbocco dell’incrocio che arriva poi a Schifoni/Franculacciu) vengono servite dal servizio pubblico ARST.

Oltre le chiese principali ubicate al centro di San Teodoro sono presenti altre due chiesette: la chiesa di Sant’Antonio a Straula e la più recente chiesa di Sant’Andrea a Montipitrosu.

Sant’Andrea a Montipitrosu viene festeggiato durante la prima domenica di giugno mentre Sant’Antonio a Straula durante la terza domenica dello stesso mese.