Home » Territorio » Spiagge

Gli angoli più incantevoli delle tue vacanze

Indiscusso patrimonio ambientale dell’intera Sardegna e d’Italia, le spiagge di San Teodoro si susseguono per gli interi 37 chilometri del litorale, rincorrendosi fra scogliere granitiche di rara bellezza e morbidi arenili di fine sabbia bianchissima, spesso concomitanti con zone umide dal grande interesse naturalistico.

Non vi sono spiagge a pagamento: tutte le spiagge sono libere; delle 12 principali di San Teodoro, 3 di queste sono raggiungibili comodamente dal centro cittadino: la spiaggia La Cinta, la spiaggia di Cala D’Ambra e la spiaggia di Isuledda. Considerato il notevole numero di sbocchi al mare non è difficile trovare una caletta o una spiaggetta riparata dai venti predominanti, da quelle più grandi ed organizzate fino agli approdi isolati raggiungibili per mezzo di piccoli sentieri o addirittura solo via mare.

Leggi di più

Praticamente qualunque spiaggia di San Teodoro può vantare bassi fondali e sabbia fine, assenza di correnti e di specie marine pericolose per l’uomo… il posto ideale anche per le famiglie con bambini. Ricordatevi però che la spiaggia è di tutti ed è un luogo da rispettare, per questo nei litorali più grandi e frequentati si trovano le staccionate in legno per il ripopolamento delle dune sabbiose e delle essenze vegetali endemiche. Nello spirito della salvaguardia ambientale, presso i litorali vi è l’obbligo del rispetto di alcune regole di fruizione riassunte in pannelli multilingue all’ingresso delle spiagge, per le quali si può fare riferimento alla Disciplina dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Punta Coda Cavallo.

Ricordate inoltre che quello che talvolta può sembrare un deposito di alghe di colore bruno presso la battigia è in realtà un sedimento del tutto naturale costituito del fogliame nastriforme della poseidonia oceanica (non si tratta di un’alga ma di una pianta acquatica), la quale costituisce un fondamentale bio – indicatore della qualità delle acque delle marine costiere: la sua presenza è garanzia di mare pulito e coste protette!

Prova a immaginare la magia ed il piacere di trascorrere le tue vacanze in un luogo di acque limpide e trasparenti, aree attrezzate, ampi parcheggi e tutti i servizi di supporto alla balneazione, in piena sicurezza anche in famiglia. San Teodoro e le sue spiagge ti offrono diversi tipi di esperienze che vanno dal semplice caldo abbraccio del sole cullati dalla brezza marina, al puro divertimento del kite surf, dalle escursioni alla riscoperta di sentieri per il birdwatching delle numerose specie di uccelli acquatici stanziali, sino all’incanto indimenticabile di un’alba in riva al mare!

Le spiagge di San Teodoro fanno parte della riserva naturale dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Punta Coda Cavallo, dove il vero investimento è rivolto alla valorizzazione dell’ambiente e alla garanzia della qualità del mare e dei servizi.

Goditi l’armonia e i silenzi delle spiagge di San Teodoro anche in bassa stagione… lo spettacolo è garantito anche nei periodi di maggior quiete.

Leggi di meno

Capo Coda Cavallo, un panorama da togliere il fiato

Ottimamente riparata dall’Ostro e dallo Scirocco, è l’estrema propaggine della terraferma protesa verso il Mar Tirreno, affacciata sulle isole di Proratora, Molara e Tavolara, la spiaggia di Capo Coda Cavallo oltre allo splendido scenario offerto dal profilo delle isole, può vantare acque limpide e sabbia fine immersi nella macchia mediterranea. Pochi minuti di passeggiata e dal punto panoramico si domina interamente lo specchio acqueo delimitato dall’Area Marina Protetta di Tavolara – Punta Coda Cavallo.

Scopri di più

La Cinta, sconfinata bellezza tra dune bianche e mare trasparente

La spiaggia principale di San Teodoro dal fondale dolcemente degradante e completamente priva di scogli; tre chilometri di dune di fine sabbia bianchissima dove trova dimora il ginepro, il giglio marino, l’elicriso affacciati su acque limpide e dal colore turchese brillante, con alle spalle la grande laguna di San Teodoro. Delimitata a nord dalla foce che collega la laguna con il mare aperto e a sud dai bracci frangiflutti del porto turistico in costruzione.

Scopri di più

Punta Molara e Cala Ginepro, piccole cale nascoste tra le rocce

Una delle località più rinomate di San Teodoro, con l’orizzonte quasi interamente occupato dalle creste di Tavolara e dal profilo basso e regolare dell’isola di Molara. Piccolo paradiso naturalistico il cui litorale è costituito da piccole calette sabbiose e da placide scogliere granitiche raggiungibili attraverso sentieri naturali che collegano anche il villaggio turistico sul promontorio (dal quale si gode, come prevedibile, un panorama intensamente espressivo e seducente).

Scopri di più

Salina Bamba e Baia Salinedda, due incantevoli calette sabbiose

Come appare evidente dal nome, queste spiagge ubicate lungo l’affaccio a sud di Punta Coda Cavallo ed entrambe interessate da piccoli stagni sulla zona retrostante, sono state in epoche neanche troppo lontane dei siti per la raccolta del sale marino, dal grande valore commerciale.

Scopri di più

Cala Brandinchi, un angolo di paradiso sulla costa nord-orientale

Un autentico gioiello della nostra costa: Brandinchi può reggere il paragone con i paradisi della Polinesia per l’intensità e la brillantezza delle sue sfumature, ai turisti è anche nota come piccola Tahiti. Bassi fondali, sabbia fine a ridosso di una pineta ed una consistente macchia di ginepri, cardo e giunchi. Decisamente indicata anche per le famiglie con bambini, alle spalle della spiaggia adiacente alla splendida pineta il parcheggio organizzato con servizi in un perfetto angolo di natura.

Scopri di più

Cala D’Ambra, un’oasi di relax a pochi passi dal centro

Spiaggia ampia che richiama nei teodorini la memoria di stagioni ormai passate: durante il XIX secolo bastimenti carichi di carbone provenienti dalle carbonaie di Monte Nieddu, lasciavano quella che esigenze di tipo turistico oggi riconoscono come Cala d’Ambra (non è il suo nome originale), diretti verso lidi lontani.

Altri toponimi della costa di Cala d’Ambra ne sono testimoni: lu Calboni, lu Bagnu di l’Omini, Rattulongu. Già, perché un tempo le spiagge erano separate: quelle per gli uomini e quelle per le donne.

Scopri di più

Cala Girgolu, dove la natura scolpisce il granito

Cala Ghjlgólu è anche il luogo della famosa conformazione granitica nota come il gallo di Gallura e la tartaruga, frutto dell’erosione eolica di millenni e deturpata quest’ultima in pochi minuti da mani incivili e di altre rocce cosiddette tafonate, ovvero appunto erose in cavità alveolari (tafoni) anche di notevoli dimensioni dagli stessi cristalli di quarzo del granito che, sbriciolati, ruotano vorticosamente trasportati dal vento e dall’azione dell’aria salmastra.

Scopri di più

Cala Suaraccia, incantevole cala con vista su Tavolara

Si tratta di un breve tratto di spiaggia incuneata a formare una baia deliziosa dalla sabbia fine, alle cui spalle la vegetazione mediterranea dei ginepri e lentischi è protagonista assoluta. Presso la cala vi è un piccolo pontile approdo dal quale salpano barconi in visita all’Area Marina.

Scopri di più

Costa Caddu, tra sterrati e calette rocciose

Litorale all’estremo confine sud del comprensorio di San Teodoro (verso il comune di Budoni) oltre la spiaggia dell’Isuledda, non vige più l’Area Marina ed è per questo consentita la pesca sportiva e le altre attività in mare previste e regolate dalla normativa nazionale. Si tratta di piccole calette a tratti sabbiose ma prevalentemente rocciose mai troppo angustiate da eccessiva pressione turistica, anche per via del lungo tratto di strada sterrata di accesso.

Scopri di più

L’Isuledda, il gioiello del sud teodorino

Un profilo incantevole di dune e ginepri secolari incorniciano un piccolo gioiellino a sud dell’abitato di San Teodoro, a contatto con un ampio laghetto salato in secca durante la stagione estiva. Il suo nome per intero è Punta dell’Isuledda, ed è effettivamente uno sperone (la punta) che chiude a sud lo specchio acqueo dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Punta Coda Cavallo. Sabbia fine e bassi fondali per tutta la spiaggia e scogli alle estremità di un certo rilievo per l’attività di snorkeling.

Scopri di più

Lu Impostu, perdersi tra le infinite sfumature del mare

Separata dalla spiaggia di Brandinchi solamente da un esile promontorio boscoso e molto simile a questa, ne condivide l’intensità dei colori delle acque limpidissime, le sabbie bianchissime e la vegetazione della fascia retrodunale allo stato di natura (vi si trovano persino piante di mimose). L’accesso alla spiaggia è preceduto da un ampio parcheggio e percorsa una breve discesa bisogna attraversare un piccolo guado dello stagno retrostante

Scopri di più

Punt’Aldia, mare cristallino e servizi d’eccezione

Vi si accede dal villaggio turistico di Puntaldia presso il quale è presente il porto turistico ed un campo da golf a 9 buche, oltre che strutture ricettive alberghiere e residence di alto livello. Il nome sta a significare la punta della guardia, dalla evidente valenza strategico – militare di tempi passati.

Scopri di più